D.P.C.M. 3 Novembre 2020: Nuove misure.

da Mercoledì, 4 Novembre, 2020 a Giovedì, 3 Dicembre, 2020
Covid 19 03 Novembre 2020

Il nuovo D.P.C.M. del 3 novembre 2020, in vigore dal 5 novembre al 3 dicembre 2020, introduce un regime differenziato, basato su 21 differenti parametri: il Paese sarà diviso tre fasce (gialla, arancione e rossa), corrispondenti ad altrettanti scenari di rischio (valido per tutto il territorio nazionale, di elevata gravità e di massima gravità) per ciascuno dei quali sono previste misure via via più restrittive.
In seguito all monitoraggio dei dati epidemiologici, il Ministero della Salute individua con un'ordinanza in quale fascia si collocano le diverse regioni.

Testi e allegati sono consultabili sul sito del Governo all'indirizzo: http://www.governo.it/it/articolo/coronavirus-il-presidente-conte-firma-il-dpcm-del-3-novembre-2020/15617.

A seguire, una prima sintesi sulle misure che si aggiungono alle disposizioni già vigenti: obbligo di mascherina in luoghi chiusi e all'aperto, escluso chi fa attività sportiva, i bambini sotto i 6 anni, i soggetti con patologie e disabilità incompatibili con l'uso del dispositivo, distanziamento fisico e igiene costante e accurata delle mani.


Divieto di feste private al chiuso o all'aperto, comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose.
Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza
 
Limitazione degli spostamenti dalle ore 22 alle 5valida su tutto il territorio nazionale, salvo che per esigenze lavorative, per motivi di salute, per situazioni di necessità.
È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.
 

Nelle aree rosse e arancioni, vige il divieto di entrare ed uscire dal territorio e divieto di spostamento, con ogni mezzo pubblico o privato, anche all'interno del proprio Comune di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze di salute, lavorative, di studio o per situazioni di necessità.

Scuola.
Viene istituito il 100% di didattica a distanza per le scuole superiori, mentre le attività di scuola per l'infanzia e scuola primaria continuano in presenza.
L'attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l'infanzia continua a svolgersi in presenza, con uso obbligatorio di dispositivi di protezione delle vie respiratorie salvo che per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina.
I corsi di formazione pubblici e privati possono svolgersi solo con modalità a distanza.


Solo per le zone rosse, saranno aperti nidi, micronidi, scuole materne, scuole elementari e il solo primo anno delle media, con didattica 100% a distanza per tutte le altre scuole.

Commercio.
Nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati. La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, e punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.
 

Solo nelle zone rosse, chiusura di tutti i negozi, salvo generi alimentari e di prima necessità. Aperti farmacie, parafarmacie, edicole, tabacchi, lavanderie, pompe funebri, parrucchieri e barbieri.

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5 fino alle 18, con consumo per un massimo di quattro persone per tavolo.
Dopo le ore 18, è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico.
Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.
Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
 

Solo nelle zone rosse e arancioni, sospensione totale attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie e tutti i servizi di ristorazione.
Consentita la somministrazione da asporto fino alle ore 22.


Chiusura delle sale da gioco e delle sale bingo e dei corner adibite all'attività di scommesse, videogiochi ovunque siano collocati.

Trasporti pubblici al 50% della capienza
A bordo dei mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale con esclusione del trasporto scolastico dedicato è consentito un coefficiente di riempimento non superiore al 50 per cento, con esclusione del trasporto scolastico dedicato.

Musei, mostre e istituti culturali.
Sono sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura.

Concorsi pubblici.
Sospensione dello svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all'esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica.

Allegati

Schema suddiviso per Aree

Note: scarica allegato

Data: 04/11/2020 Ultima modifica: Mer, 04/11/2020 - 17:39