TOPONOMASTICA

Di seguito sono riportate le informazioni relative all'origine dei nomi di Verolanuova, Cadignano e Breda Libera.

 

- Verolanuova

  • secondo Guerrini  Verola deriverebbe da vigriola, termine che significa 'terreni incolti'; in un altro opuscolo basandosi sul dialetto erola, egli risale all'etimo era = aia e conclude che verola significa piccola aia;
  • secondo Olivieri  il nome di Vérola sembrerebbe riflettere villula, se pure non un latino viriola, 'cerchietto', allusivo, in tal caso, al fiumicello Verrone (che oggi è detto Strone);
  • secondo Gnaga   Verola è il nome volgare dell'edera elix; Vegher = terreno incolto e non lavorato; etimologia: se la pronuncia è Veròla forse è l'alterazione di Verona, nome reto-ligure, se è Vérola forse è derivato da villula;
  • secondo Bottazzi  in origine Virola o Verola si riferisce probabilmente al fiume locale largo una dozzina di metri e che venne nominato poi Strone dai Longobardi da "stro" che nelle lingue germaniche significa fiume.  

Il nome di Virola passò o rimase ai due villaggi che sorsero o che sorgevano nei due luoghi ove il fiume abbandonando il suo rettilineo andamento da nord verso sud fa un doppio gomito a forma di Z per poi riprendere in entrambe le località la sua direzione normale. E' a questo virare del fiume che deve risalire Verola, toponimo al diminutivo.

 
- Cadignano

Il toponimo ha assonanze col gallico e con il latino e potrebbe significare 'punto di passaggio di un fiume', da gat (in gallico passaggio), in-agno (in latino fiume, gallico acqua).

- Breda Libera

Il toponimo viene dal germanico-longobardo e significa "spazio vuoto", "pianura aperta" o "aperta campagna". Prima recava il genitivo "gambara" e poi "maggia", dai suoi proprietari Gambara e Maggi.

Il toponimo breda è assai diffuso nella pianura Padana ed è nome di molti cascinali.

L'aggettivo "libera" fu apposto dai giacobini nel 1797.

Riferimenti Normativi

Ultima modifica: Lun, 05/10/2015 - 10:05