LA NASCITA DI SERVER SRL

Nasce Server S.r.l. nuovo strumento per la gestione dei servizi Pubblici

L'amministrazione comunale ha costituito, a partire dal primo luglio 2002, la società denominata "Server S.r.l." società di servizi che avrà il compito di gestire con efficienza, efficacia ed economicità il servizio gas, il servizio di fognatura e depurazione ed in futuro qualsiasi servizio di interesse pubblico.

 

La normativa in materia ha infatti imposto all'amministrazione comunale di scegliere tra la cessione dei servizi (gas, fognatura e depurazione) a terzi e la costituzione di una società di capitali, superando l'attuale gestione diretta.

"Gestione in economia che il Decreto Legislativo 164, 23/0512000 vuole superata alla data di gennaio 2003, attraverso l'indizione di gare per l'affidamento dei servizio ovvero attraverso la trasformazione delle gestioni in società di capitali" spiega il sindaco Stefano Dotti.

L'amministrazione comunale ha deciso di intraprendere la strada della gestione dei servizi attraverso una società totalmente partecipata dal Comune, perché ritiene che in questo modo potrà garantire un adeguato servizio e risposte immediate ai cittadini per quei servizi che considera di fondamentale importanza, quali ad esempio il gas, l'illuminazione pubblica, la rete idrica, le fognature e la depurazione.

L'evoluzione normativa in atto non permette di sapere fino a quando un comune potrà gestire questi servizi; l'attuale amministrazione, anche al fine di poter competere in un mercato libero, valuterà insieme ad altri comuni le strategie da attuare per poter proseguire con una gestione di fatto diretta perché è fermamente convinta di tutelare in questo modo gli interessi dei propri cittadini. "Solo attraverso la gestione dei servizi per mezzo di un organismo comunque partecipato dal Comune è possibile garantire le scelte tariffarie fino ad oggi applicate - spiega il sindaco - garantendo da un lato la copertura dei costi di gestione, ma anche l'interesse diretto degli utenti".

Perché dunque la scelta della costituzione di una società piuttosto che affidarsi a compagini già esistenti sul mercato? "Le reti tecnologiche e le risorse di Verolanuova sono un patrimonio che non deve essere disperso, visto che nei programmi della società rientra la possibile gestione di altri servizi. Si tratta di una scelta che privilegia uno strumento operativo che offre un controllo diretto e risposte immediate ai bisogni della cittadinanza, permettendo di realizzare un introito per il Comune".

In altre parole grazie alla società di gestione vengono anche "patrimonializzati" gli investimenti effettuati, diventando la "spesa'' una risorsa per la comunità, dato che, semplificando, le reti hanno un valore effettivo quale bene.

L'attività della Server è stata attivata i 1° luglio e la sede è in municipio, a dimostrazione dell'effettiva proprietà comunale. "La nuova società non impone oneri al Comune mentre garantisce il controllo costante delle tariffe ed i ritorni immediati che si avranno saranno i potenziamenti dei servizi" sottolinea Dotti. Ovviamente per la sua gestione la società riconoscerà al Comune un canone annuale, al pari di altri modelli già operanti nella nostra provincia.

Interessanti i dati presunti di bilancio guardando alle potenzialità dei consumi verolesi. Ma ancor più importante è la constatazione di come avviando un rapporto di servizio tra Comune e controllata privatistica le realtà di bilancio si integrino garantendo un modello di efficienza e funzionalità che offre chiari riscontri non solo sul contenimento delle tariffe e delle spese, ma anche di reinvestimento patrimoniale delle risorse pubbliche.

In altre parole, grazie alla "Server S.r.l." tutti gli investimenti che saranno effettuati sulle reti tecnologiche si tradurranno in risultanze di bilancio a vantaggio di tutta la comunità verolese.

 

Ultima modifica: Mar, 06/10/2015 - 10:45